richiami vivi
GEAPRESS – Le associazioni ambientaliste non ci stanno. Per loro, infatti, le cosiddette “cacce in deroga” rapresentano una forzatura giuridica.

Lombardia, Veneto, Toscana, Emilia Romagna – per citare i casi più gravi – la praticano in varie forme contro animali appartenenti a specie tutelate a livello di Direttive UE e della cattura degli uccelli selvatici da impiegare come richiami vivi.

Il problema, riferisce una nota di CABS e LAC,  si trascina ormai dal 1992, da quando cioé la legge nazionale per la tutela della fauna è entrata in vigore, bandendo di fatto la caccia a peppole e fringuelli, finalmente protetti, e vietando l’utilizzo delle reti, strumenti di cattura di massa e non selettivi, ma ancora autorizzati da alcune Regioni  per catturare decine di migliaia di uccelli da offrire ai cacciatori per attirare le prede presso gli appostamenti venatori.

Il divieto di abbattimento di esemplari di specie protette (come fringuelli, peppole, storni, pispole e frosoni), sarebbe così stato aggirato con apposite deroghe da alcune regioni italiane, Lombardia in testa, che hanno autorizzato queste cacce  per favorire una minoranza di cacciatori.

Crediamo che troppi politici abbiano mal interpretato il loro ruolo – dichiarano Graziella Zavalloni e Alex Heyd, presidenti rispettivamente di Lega Abolizione Caccia e CABS – che non é quello di servire il piacere ludico di qualche migliaio di cacciatori interessati a fare fuoco su piccoli uccelli in migrazione, ma di proteggere la natura per il beneficio dell’intera popolazione e delle future generazioni“.

Il recente decreto-legge governativo n. 91/2014 dello scorso 24 giugno, che ha limitato i quantitativi di richiami vivi detenibili (fissando un tetto cumulativo sia per quelli allevati che per quelli catturati in natura negli impianti  autorizzati dalle province) dovrebbe ora costituire  un’occasione per ripulire la legislazione italiana dalla pratica dei richiami vivi, e ci auguriamo che in sede di conversione parlamentare la pratica dei richiami vivi sia cancellata in toto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati