GEAPRESS – Il Consiglio Regionale della Lombardia da i numeri. Ed è questo quello che fa più spaventare i favorevoli delle cosiddette cacce di tradizione, vietate quasi ovunque, eccetto che in Lombardia.

La proposta di Legge più partecipata è senz’altro quella della Lega Nord (scarica qui) che vede la firma di ben nove consiglieri. Il Gruppo della Lega conta in Consiglio 20 rappresentanti, ma quest’anno il numero dei firmatari è meno della metà rispetto ai 19 dell’anno scorso. La mancanza più clamorosa è quella del Consigliere Renzo Bossi. Lui, il primo firmatario della proposta di legge contro la vivisezione in Lombardia (vedi articolo GeaPress) non deroga e rimane fedele alle aspettative di quanti lo hanno già apprezzato per le precedenti prese di posizione in favore degli animali.

I Consiglieri della Lega che, contrariamente a Renzo Bossi, hanno firmato la proposta, vorrebbero fare impallinare 841.000 uccellini da scegliersi tra Storno, Fringuello, Peppola, Pispola e Frosone. Ne vorrebbero, invece, fare uccidere 702.303 (scarica qui) i tre Consiglieri del gruppo di 29 rappresentanti del PDL, i quali, però, includono un’altra specie: il Prispolone. Sei specie anche per la proposta PD-UDC (scarica qui), per un totale di 693.000 cadaverini. Due Consiglieri ciascuno hanno firmato la proposta dell’insolita alleanza filopallini, solo che il PD conta 22 Consiglieri, mentre l’UDC appena tre. In pratica la maggioranza degli elettori dell’UDC lombardo hanno eletto chi è a favore delle cacce in deroga.

La Lega Nord ha inoltre presentato una proposta di legge favorevole all’uso dei richiami vivi (scarica qui), ovvero 48.576 uccellini da catturare per i cacciatori da appostamento. Le provincia maggiormanete interessate sono quelle di Brescia e Bergamo.

La speranza in casa protezionista, è invece che si verifichi un nuovo clamoroso flop, come già successo l’anno scorso. L’indecisione tra i vari gruppi, fece finalmente mancare alla Lombardia le tanto discusse cacce in deroga. 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati