GEAPRESS – Una fattucchiera dell’anno mille avrebbe motivato in maniera migliore. Questo il caustico commento della LIPU di Vercelli e della LAC Piemonte, che mantengono ora la promessa e ricorrono al TAR contro l’Ordinanza ammazza piccioni di Bianzè (VC). Un’Ordinanza che lascia quantomeno di stucco e che si caratterizza per alcune affermazioni, a firma del Sindaco, quantomeno discutibili (vedi articolo GeaPress). Escrementi di piccioni “incontrollati” e “incontrollabili”. Una produzione “eccessiva” e “ininterrotta”. Un mare di cacca, insomma, addirittura irrefrenabile, specie nei luoghi frequentati da bambini ed anziani.

Un provvedimento che segue criteri “a muzzo“, rincarano la dose LIPU e LAC. Come il numero di animali da abbattere. Ben 1200, da decimare a partire dal primo dicembre, per ogni giovedi, fino al 31 maggio 2012. “Prelevati” dai cacciatori che, in compagnia di una Guardia Enalcaccia e della Federazione Italiana della Caccia dovranno poi consegnare il tutto per lo smaltimento presso una ditta del comprensorio, specializzata anche nella salatura e vendita di trippe e budella.

Nessun supporto scientifico, ovviamente, così come numerosi riferimenti legislativi sono stati ignorati. Il piccione, poi, così come sancito finanche dalla Cassazione, è un animale appartenente alla fauna selvatica. Per questo ad intervenire non dovrebbe essere l’amministrazione comunale, ma quella provinciale.

Comportamento incomprensibile quello del Comune di Bianzè anche perchè al Sindaco sono pervenute le indicazioni delle Associazioni sui criteri di intervento incruento e poco costoso.

E’ ora che anche nel vercellese si affermi una cultura rispettosa delle leggi e degli animali – hanno dichiarato Giuseppe Ranghinom Delegato della LIPU di Vercelli e Roberto Piana, Presidente della LAC Piemonte – E’ oggi possibile trovare civili modalità di convivenza con le popolazioni selvatiche ed attivare eventuali sistemi di controllo incruenti e rispettosi del benessere degli animali. Il Medioevo è finito da un pezzo.”

A Bianzè, però, sembra che ad intervenire sia ancora la pozione della fattucchiera. Pozione anti cacca incontrollata e incontrollabile. 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati