forestale e archetti
GEAPRESS – Sequestro di 200 “archetti” di fattura artigianale, già posizionati e caricati dal bracconiere. E’ avvneuto in Valcanale, in provincia di Bergamo, a seguito dei controlli antibracconaggio eseguiti dal Comando Provinciale di Bergamo del Corpo Forestale dello Stato, congiuntamente al personale del Comando Stazione di Gromo.

La Forestale precisa come l’area oggetto di intervento sia interessata dalla migrazione dei volatili. Si tratta di una zona impervia a 1.500 metri di altitudine.

Oltre agli “archetti” è stato sequestrato altro materiale destinato all’uccellagione. In particolare sono stati trovati roncola, avvitatore elettrico, corde ed una busta contenente il noto “sorbo degli uccellatori”, elemento determinante di attrattività per gli uccelli.

Dopo un appostamento nel tentativo di sorprendere i responsabili, i Forestali sono intervenuti per rimuovere gli strumenti in quanto era in corso un forte passaggio migratorio. Liberati in natura 20 uccelli tra pettirossi e tordi sasselli in quanto in buone condizioni di salute, mentre 5 volatili già morti sono stati sequestrati.

La capillare conoscenza del territorio da parte del personale, le corrette informazioni di carattere meteorologico oltre alla conoscenza etologica delle specie di avifauna interessate, sono stati elementi determinanti per il buon esito dell’ attività. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad identificare i responsabili oltre a controlli in altre località sensibili.

 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati