fucile forestale IV
GEAPRESS – Intervento dei Comandi Stazione di Alberobello e Monopoli (BA) del Corpo Forestale dello Stato, che hanno fatto seguito alle numerose segnalazioni pervenute al 1515.

I controlli hanno avuto ad oggetto la stagione venatoria appena trascorsa. In tale contesto la Forestale ha  rilevando diverse violazioni alla normativa nazionale e regionale che disciplina il corretto esercizio della caccia.

Il risultato dell’attività è rappresentato da ben sei  notizie di reato. L’ultima effettuata è a carico di due persone, padre e figlio, residenti nella provincia barese.  Secondo il Corpo Forestale dello Stato, il figlio stava utilizzando il fucile del padre senza essere in possesso di licenza e al momento dell’accertamento aveva già abbattuto illecitamente 10 esemplari di tordo bottaccio.

Nel complesso gli interventi effettuati hanno portato alla contestazione di diverse tipologie di  reati. Riguardano, infatti, la caccia in zone protette, abbattimento di specie non cacciabili, esercizio dell’uccellagione, caccia di frodo senza licenza di porto di fucile e porto abusivo di arma da fuoco.

Una ventina le sanzioni amministrative elevate, la maggior parte per il mancato rispetto delle distanze dalle abitazioni e dalle strade, previste dalla legge.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati