cardellini implumi carabinieri
GEAPRESS – Le specie protette continuano ad essere quelle più ambite dai bracconieri. Lo affermano i Carabinieri della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi (AV) che nei giorni scorsi hanno provveduto a  denunciare tre persone con l’accusa di detenzione abusiva di fauna particolarmente protetta.

I militari della Stazione di Bisaccia, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile di Guardia Lombardi, nel corso di un dispositivo straordinario per il controllo del territorio disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri Avellino avevano, infatti, controllato una Fiat Punto che si aggirava con fare sospetto nei pressi del centro abitato. I militari procedevano immediatamente al controllo del veicolo con a bordo tre persone provenienti dall’hinterland napoletano a quanto sembra gravati da precedenti di polizia.

A seguito di una minuziosa perquisizione veicolare, venivano rinvenuti sotto i sedili quindici giovanissimi cardellini e 18 uova della stessa specie; contenuti in sette distinti nidi. Trovata anche l’attrezzatura utilizzata per l’uccellagione, consistente in tre aste telescopiche ed un forchettone artigianale, finita sotto sequestro così come i volatili e le uova illegalmente catturati ed ora trasferiti presso il Centro Regionale Animali Selvatici di Napoli.

Per i tre denunciati è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati