GEAPRESS – E’ iniziata da poco più di tre settimane la stagione di caccia e già l’attività della Vigilanza Venatoria di WWF e Legambiente nella Provincia di Ancona ha fatto registrare un’intensa attività di controllo sul territorio. Diverse le pattuglie di Guardie Volontarie impegnate nel controllo dell’attività venatoria e nel contrasto del bracconaggio, coordinate dalla Polizia Provinciale, soprattutto attorno all’Oasi WWF di Ripabianca di Jesi e nei punti a maggior densità di cacciatori.

Molte le segnalazioni ricevute dai cittadini, che hanno portato le Guardie Venatorie ad accertare numerose violazioni ad altrettanti cacciatori, che armi in pugno venivano trovati in prossimità delle strade e soprattutto delle case.

Altro grave episodio è accaduto alcuni giorni fa, quando i Volontari di WWF e Legambiente hanno denunciato un cacciatore che, sorpreso troppo vicino ad una strada, non trovava di meglio che abbandonare l’arma in un fossato per poi cercare di giustificarsi, in maniera maldestra, cercando di evitare la pesante sanzione. Intervenuta sul posto la Polizia Provinciale, ha provveduto al sequestro dell’arma.

Domenica scorsa, invece, nelle campagne di Osimo è stato sorpreso un cacciatore che si avvaleva addirittura di due richiami acustici elettronici, mezzo vietato dalla legge ma utilizzato dai bracconieri per richiamare i piccoli uccelli migratori. Dopo il ritrovamento del primo richiamo, il cacciatore ha cercato di nascondere il secondo, ma l’esperienza delle Guardie Volontarie ha reso inutile l’espediente.

Il bracconiere ora rischia l’ammenda fino a 1.500 euro, mentre sono già stati sequestrati i due richiami vietati, il fucile e la fauna selvatica illecitamente abbattuta.

Continua anche l’attività di ricerca dei richiami acustici vietati posizionati nelle campagne, grazie anche alle segnalazioni dei cittadini che collaborano con la Vigilanza Volontaria nell’opera di contrasto al bracconaggio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati