caccia volpe
GEAPRESS – Una richiesta semplice contro una decisione che, secondo il WWF, è grave quanto incomprensibile. Per questo occorre salvare le volpi.

Il piccolo canide, denuncia il WWF, è divenuto oggetto di una determinazione dirigenziale della Provincia di Ancona che autorizza finanche l’uccisione  dei  cuccioli in tutti gli Istituti faunistici della Provincia.

Gli ambientalisti, criticano inoltre i metodi scelti per l’abbattimento. Le povere volpi, infatti, finiranno abbattute anche di notte, utilizzando fonti luminose. Poi la già “famosa” caccia in tana con i cani e trappolaggio tutto l’anno fino al 2017 compreso. Il tutto per “controllare” le volpi nelle Zone di Ripopolamento e Cattura, nei centri pubblici e nelle aree di rispetto.

Per il WWF la volpe ha un ruolo molto importante per l’ambiente naturale. Il piccolo canide, infatti, ha un grande valore biologico quale regolatore naturale. Ed invece, sempre secondo il WWF, viene vista come un competitore dei cacciatori.

Dunque la richiesta alla nuova Presidente della Provincia di Ancona Liana Serrani: fermi la caccia alla volpe interpretando il comune senso di pietà per gli animali ed esercitando il dovere di tutela del patrimonio faunistico e della biodiversità della Provincia. Un provvedimento, conclude il WWF, ched andrebbe a vantaggio di tutti i cittadini. Questi il LINK ALLA PETIZIONE.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati