elefante zimbabwe
GEAPRESS – Ritorna nuovamente al centro dell’attenzione la politica venatoria dello Zimbabwe. Dopo il caso del famoso leone Cecil (il cacciatore nord americano era comunque autorizzato alla caccia grossa) è ora la volta del più grande elefante del paese. Anzi, secondo i giornali locali, si sarebbe trattato del più grande elefante d’Africa.

Ucciso da un cacciatore tedesco che si dice abbia sborsato 53.000 euro.

Il cacciatore, era arrivato nello Zimbabwe per il cosiddetto “big five”. Si tratta di cinque animali di specie particolarmente significative per chi, in Africa, va con il fucile alla ricerca di emozioni forti. Di certo, in tema di emozioni, devono essere ancora più potenti quelle provate dall’elefante, rinoceronte, bufalo, leone e leopardo, ovvero le cinque specie mortalmente centrate dal  “big five”.

Quell’elefante, però, non si sarebbe potuto uccidere. Il cacciatore tedesco avrebbe peraltro sparato all’interno del Parco Nazionale Gonarezhou.

Un nuovo contributo verso l’estinzione dell’elefante africano che però, in alcuni paesi, come nel caso dello Zimbabwe si può uccidere legalmente nell’ambito di quote stabilite dalla Convenzione di Washington.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati