DOMANDA:
 
Egr. Avvocato,
non ricevendo risposte dalle cosiddette “istituzioni”,mi rivolgo a lei per una domanda.. Nel caso si avvisti un animale ferito o presunto tale per strada o in un punto rischioso per tentare un soccorso personale, CHI è preposto ad agire per l’intervento?
Volevo sapere, poi, se possibile,se è normale che una amministrazione comunale sia priva di un ufficio per i diritti 
animali..il Comune di Siena lo è…
Ringraziando anticipatamente,porgo cordiali saluti.

Rossella Di Napoli
Siena

RISPOSTA:
  
Gentile Signora,

Se l’animale ferito o vagante si trova sulla sede stradale o nelle vicinanze di essa vanno immediatamente avvertite le forze di Polizia ( Polizia Stradale e Vigili Urbani ) che hanno l’obbligo di intervenire, anche al fine di evitare possibili incidenti o rischi alla persona e per tutelare il diritto al soccorso che hanno anche gli animali.
Ricordo anche che il Codice della Strada (art. 189 bis) ha previsto l’obbligo per chiunque, autore dell’incidente di cui sono vittime alcune categorie di animali o che assiste ad esso, di fermarsi a prestare soccorso e chiamare le autorità competenti ad intervenire, pena una sanzione amministrativa.
Per quanto riguarda il secondo quesito, la invito a verificare se il Comune di Siene nel suo Statuto prevede l’istituzione di un Ufficio a tutela dei diritti degli animali o vi è una delibera del consiglio che istituisce l’ufficio attribuendone poteri e competenze. In ogni caso sarebbe opportuno, con gli strumenti della partecipazione alla attività delle amministrazione, di sollecitarla ad istituire il servizio, onde potere organizzare al meglio la tutela degli animali selvatici o di affezione.

Avv. Nicola Giudice