collare elettrico
GEAPRESS – Una vicenda che ha già un precedente lo scorso agosto quando a Besana in Brianza (MB) venne trovato il cagnolino Rocky con un collare elettrico al collo. Stavolta il protagonista è un bracco di circa tre anni.

A denunciare il tutto è l’ENPA di Monza e Brianza il cui Nucleo Antimaltrattamento è intervenuto a Villasanta (MB) su segnalazione di privati cittadini. Il tanto esecrato strumento di “addestramento” era a quanto pare usato in un campo dove vengono addestrati cani da caccia.

Il sopralluogo, afferma l’ENPA, ha permesso di verificare che quanto segnalato corrispondeva al vero: tra diversi cani da caccia, tutti vaccinati, con documentazione in regola, in ottimo stato di salute e di proprietà di un cacciatore, ve ne era uno con un vistoso collare elettrico al collo. Alla richiesta di spiegazione, il proprietario si sarebbe giustificato dicendo che è abitudine nell’addestramento venatorio ricorrere a tale strumento per migliorare il riporto della selvaggina da parte del cane. Il cane che lo portava, sempre secondo il cacciatore, era fin troppo vivace e poteva far male agli altri suoi cani. Lo stesso avrebbe inoltre asserito che il collare gli era stato regalato ed era certo che non funzionasse. Cosa che però veniva smentita dai fatti.

I volontari dell’ENPA hanno così cercato di sensibilizzare il cacciatore ricordando che tale modalità di addestramento è vietata nel territorio di Villasanta e il collare è stato ritirato raccomandando che esistono metodi di addestramento alternativi. Il Nucleo Antimaltrattamento comunque tornerà regolarmente a verificare la situazione, nel caso il proprietario risultasse recidivo scatterebbe un intervento con le autorità competenti e sarebbe comminata un’ammenda da 100 a 500 euro.

ENPA ringrazia il Comune di Villasanta che ha dimostrato grande sensibilità nel condannare l’impiego di un simile strumento coercitivo, così come sancito dal Regolamento Comunale sulla Conduzione e il Benessere degli Animali (in vigore dal 2007) all’articolo 9 sul maltrattamento e mancato benessere di animali che vieta l’uso di strumenti cruenti (collari elettrici con rilascio di scariche, collari con punte, ecc.) per l’addestramento di qualsiasi animale.

ENPA di Monza e Brianza è ovviamente fermamente contraria all’impiego di collari elettrici. La posizione viene ben espressa dalla parole di Silvia Ferrario, sia come educatore cinofilo ENPA sia come educatore cinofilo con approccio cognitivo: “Tra le varie forme di apprendimento, esiste l’apprendimento per conseguenza, che a ogni comportamento del cane può far seguire una gratificazione (quindi un premio) o una punizione. Con il premio si incentiva il ripetersi di un comportamento gradito; con la punizione si cerca di evitare il ripetersene di uno sgradito. Il collare elettrico lavora proprio sul concetto di dare una punizione, creando dolore nel momento in cui viene percepita la scossa elettrica”. 

La punizione suscita nel cane emozioni negative come paura e rischia inoltre di minare la relazione con il proprietario dal momento perché viene a mancare la fiducia all’interno del binomio, non mi posso fidare di chi mi fa paura. Purtroppo ancor oggi alcuni proprietari o addestratori utilizzano il collare elettrico per evitare che il cane presenti dei comportamenti indesiderati (l’abbaio, l’allontanarsi se lasciati liberi, il rapporto con i suoi simili), e alcuni cacciatori lo impiegano come forma di addestramento alla caccia. Da educatore – prosegue la Ferrario – posso affermare che ci sono metodi ben più consoni per insegnare al cane a comportarsi in modo gradito che non si basano sull’incutere timore al cane provocando dolore fisico o disagio psicologico e con i quali il cane impara a mettere in atto comportamenti graditi perché li apprende in modo cognitivo”.

Molti comuni nella provincia di Monza e Brianza hanno vietato l’utilizzo dei collari elettrici nel loro territorio. A oggi purtroppo non è ancora stata vietata la vendita ma ci sono diverse sentenze a favore dei cani che, anche se purtroppo non fanno diritto, almeno creano dei precedenti e sensibilizzano.”

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati