orso della luna
GEAPRESS – Inatteso risvolto del giro di vite annunciato  mesi addietro dalle autorità vietnamite in merito ai famosi allevamenti di orsi della luna. Come è noto si tratta di orsi dal collare, allevati in piccole gabbie per la produzione della bile.

Sembra, infatti, che gli allevamenti meno attivi, specie dopo l’annullamento dei “viaggi” di turisti coreani, stiano lasciando morire di inedia i poveri animali. Stante quanto riportato da alcuni organi di informazione vietnamiti, la scorsa settimana altri cinque orsi tenuti prigionieri nelle fattorie della bile della provincia di Quang Ninh, sono deceduti tra le sbarre. Il totale dall’inizio dell’anno, sempre per la stessa provincia, sarebbe di ben 106 animali.
Il tutto coincide con la fine dei viaggi turistici voluto dalle autorità vietnamite. Nessun  potere, però, di chiudere l’allevamento. Di fatto le strutture ancora esistenti, presenterebbero animali  denutriti e malatti.

A mancare è un piano di riabilitazione degli animali non più utili per gli allevamenti. In altri termini, mancando i turisti, allevare gli orsi è diventato antieconomico.

Si ricorda che la bile degli orsi, ha una reale funzione medicamentosa. Il principio attivo, però, viene ormai sinteticamente prodotto dall’industria farmaceutica e nulla giustifica ancora questi allevamenti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati