asciutta pol prov
GEAPRESS – Oltre due mesi di lavoro e decine di persone impiegate. E’ questo lo sforzo compiuto dalla Polizia Provinciale di Vicenza che è intervenuta in oltre 150 chilometri di canali coinvolti nelle asciutte periodiche eseguite dal Consorzio di bonifica Brenta.

Secondo le stime della Polizia Provinciale sarebbe prossimo alle quattro tonnellate il quatitativo di pesce messo in salvo. Tra questi, trote marmorate e temoli. Un’operazione, quella della messa in manutenzione dei canali, che si ripete ogni anno nella zona del Bassanese.

La Polizia Provinciale è intervenuta con  propri mezzi e personale, aiutata anche dalle associazioni di pescatori. Per recuperare il pesce in una vera e propria corsa contro il tempo si è ricorsi ad un elettrostorditore. Il pesce, una volta recuperato, è stato messo in salvo.

Questa attivita’ fa parte delle materie istituzionali che la Polizia Provinciale e’ chiamata a svolgere a tutela della fauna.

Non è invece ancora chiaro cosa prevederà il riordino della pubblica amministrazione proprio nel caso della Polizia Provinciale ed in particoilare chi e come porterà avanti i compiti istituzionalmente affidati, tra i quali si annovera l’antibracconaggio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati