finanza cuccioli
GEAPRESS – Intervento nei giorni scorsi dei “Baschi Verdi” del Gruppo di Verona, coadiuvati da personale dell’OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) e della LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli).

I Finanzieri hanno sottoposto a controllo un cittadino veronese ora accusato di avere illecitamente importato cuccioli di cani di razza “Husky”. I cagnolini sarebbero risultati privi di regolare documentazione e proposti in vendita ad un prezzo di 470 euro ciascuno. La successiva perquisizione ha permesso ai Finanzieri di rinvenire 10 piccoli Husky e di sequestrare i relativi passaporti ritenuti dagli inquirenti contraffatti ed i medicinali necessari per le cure mediche. Sotto sequestro anche le gabbie per il trasporto dei piccoli animali.

Il Medico Veterinario dell’azienda U.L.S.S. n. 21 di Legnago ha poi rilevato come  l’età dei cuccioli sarebbe stata inferiore ai 70 giorni di vita e la mancanza della vaccinazione antirabbica. L’uomo è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di cui all’art. 4 della Legge 201/2010 (ratifica ed esecuzione della Convenzione Europea per la protezione degli animali da compagnia) mentre i cuccioli sono stati affidati ad un canile di Verona.

L’operazione condotta dalle Fiamme Gialle veronesi si inquadra nella più ampia attività di contrasto all’illecita importazione e traffico illegale di specie faunistiche, a tutela degli stessi animali, dei potenziali acquirenti e degli operatori commerciali onesti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati