cervo neve
GEAPRESS – Intervento dell’ENPA di Treviso dopo la pubblicazione su un giornale locale delle foto di un branco di cervi della Forestale del Cansiglio, ridotto allo stremo per la neve. Diversi animali sarebbero già morti.

Con una lettera inviata al Governatore Zaia, oltre che all’Assessore all’Ambiente Bottacin, alla Caccia Pan e al Turismo Caner, l’ENPA ha messo in evidenza come gli animali stiano soccombendo non avendo, tra l’altro, di che alimentarsi. Questo perchè sarebbero costretti in una area cinta da alto filo spinato. Di fatto, sottolinea sempre l’ENPA, sono prigionieri e impossibilitati a scendere a valle dove avrebbero, invece, cibo a sufficienza per far fronte alla stagione invernale.

Che le leggi della natura – afferma l’ENPA di Treviso – regolino le popolazioni dei selvatici è nell’ordine delle cose ma che gli animali debbano morire perchè imprigionati a forza non ha nulla di naturale ma è solo frutto della crudeltà umana”.

L’ENPA richiama l’attenzione avuta dal Governatore Zaia per i cervi del Cansiglio e la proposta, avanzata nell’estate del 2013, di abbatterli. In quella occasione Zaia ebbe a dire: “I Cervi del Cansiglio non si toccano!”. Dunque, afferma la Protezione Animali, si provveda subito ad alimentarli con balle di fieno e si aprano dei varchi nelle recinzioni per consentire loro di farli uscire dalle prigioni che li stanno uccidendo. “Poi – conclude l’ENPA – che la natura faccia il suo corso ma, se non altro, avremo la coscienza a posto d’aver fatto ciò che dovevamo fare”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati