orso marsicano
GEAPRESS – E’ imminente l’emissione di un’ordinanza di cattura per l’orsa che stamani, secondo quanto riportato dalla Provincia di Trento, avrebbe  “reagito con due zampate per allontanare un cercatore di funghi“. A comunicare la decisione è il presidente Ugo Rossi che ha peraltro informato il Ministro all’Ambiente dell’accaduto.

Il fatto è avvenuto nei boschi di Pinzolo. Qui si sarebbero incontrati il cercatore di funghi con una femmina di orsa e con i suoi due cuccioli. L’orsa è apparsa munita di radio collare e pertanto facilmente rintracciabile. Una squadra di forestali, riporta la Provincia, starebbe tentanto di individuarla.

Già la prima nota diffusa stamani dalla provincia riferiva dello “stato di necessità … che impone le procedure di cattura dell’orsa. Nel caso l’operazione dovesse risultasse problematica, non è escluso l’abbattimento“.

Poco dopo è intervenuto l’assessore Michele Dallapiccola che ha confermato l’identità dell’orsa. Si tratta di Daniza, divenuta subito oggetto di una riunione con il Sindaco, i Forestali le Forze dell’Ordine ed i rappresentanti del Parco Adamello Brenta, al fine di identificare, riferisce sempre la nota della provincia, l’intervento di cattura dell’orsa.

Sempre l’Assessore Dallapiccola, ha riportato quanto riferito dal cercatore di funghi. “Dalle sue parole – spiega Michele Dallapiccola – si evince il comportamento anomalo da parte dell’orsa giacché individuati a vista i cuccioli a circa trenta metri di distanza l’uomo si era immediatamente allontanato e nascosto. Tuttavia, nonostante i cuccioli avessero preso una direzione diversa dalla sua e nonostante si fosse comunque nascosto dietro ad un albero dopo essersi allontanato, è stato raggiunto dall’animale che lo ha attivamente aggredito e ferito“.

Ma è proprio così anomalo il comportamento dell’orsa?

A sentire il WWF ed anche quanto tempo addietro diffuso dalla stessa Provincia sugli orsi pericolosi, le cose potrebbero non stare così.

Secondo quanto dichiarato a GeaPress da Massimiliano Rocco, Responsabile Programma Specie del WWF Italia “l’orsa Daniza non può essere considerata un animale pericoloso. Catturala proprio ora, con i suoi cuccioli, significa decretare la sconfitta della possibilità di convivenza con la popolazione orsina“.

Cosa c’è però di anomalo nel comportamento dell’orsa?

Una femmina con i cuccioli potrebbe rappresentare un pericolo ma starei attento a definire così facilmente un comportamento anomalo – aggiunge l’esperto del WWF – In base a quanto riferito dall’Assessore, sembra di capire che l’uomo si è immediatamente allontananto e nascosto. Così, però, potrebbe avere stimolato la reazione dell’orsa in un periodo molto particolare quale quello del mantenimento dei cuccioli. L’orsa, potrebbe avere intuito una minaccia, l’ha cercata ed una volta scovata ha cercato di allontanarla. Questo senza sapere esattamente cosa è successo in montagna, anzi senza mettere in dubbio l’onestà del racconto.

Come comportarsi in questi casi?

“I consigli – aggiunge Massimiliano Rocco – sono invece di farsi vedere, parlare e nel caso allontanarsi con calma, senza mai dare le spalle“.

Più o meno la stessa cosa sembra dire la stessa Provincia di Trento che già da tempo aveva fornito i suoi consigli, sempre a proposito di orsi pericolosi. Tra i casi nei quali l’orso può risultare pericoloso vi è in effetti  la presenza di “femmine con i cuccioli“. Se però l’Assessore riferisce di un allontanamento immediato fin tanto che l’uomo si è nascosto dietro un albero (dove poi l’orsa lo avrebbe raggiunto), i consigli della Provincia riportano, nel caso di incontro a breve distanza, di “stare calmi e non allarmare l’orso gridando o facendo movimenti bruschi. Parlare a voce alta. Se l’orso si alza in piedi e annusa è solo per identificare meglio ciò che lo circonda, non è un segno di aggressività! Se opportuno, tornare indietro lentamente, non correre. La corsa può indurre un inseguimento, come succede spesso con i cani. Lasciare sempre all’orso una via di fuga”.

Il WWF seguirà con particolare attenzione la vicenda. “Si tratterebbe – conclude Rocco – di una cattura con i cuccioli. Un fatto che mi sembra incredibile anche alla luce del racconto così come riportato. Un’orsa con i cuccioli può essere pericolosa ma bisogna prima analizzare il suo comportamento e capire cosa ha scatenato la supposta aggressività. Non mi sembra questo il caso anzi è assurdo emanare  un’Ordinanza che, insisto, rappresenterebbe la sconfitta della possibile convivenza tra uomo ed orsi

Daniza era stata introdotta in Trentino nel 2000, nell’ambito del programma Life Ursus. La sua età è di circa 18 anni.

L’uomo vittima dell’aggressione è stato medicato all’ospedale di Tione ed è stato già dimesso.

VEDI AGGIORNAMENTO

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati