Vigili del fuoco Cinofili nucleo Toscana e cucciolo
GEAPRESS – Ha rischiato di morire sotto le macerie del terremoto ma adesso lo attende una nuova vita. Il cucciolo di border collie di Castelluccio di Norcia è stato raggiunto dai volontari dell’ENPA e dai Vigili del Fuoco delle Unità cinofile, dopo ben due giorni di tentativi a causa dell’impraticabilità delle strade.

Il cucciolo è di proprietà, ma il suo detentore ha deciso di cedere il piccolo animale all’ENPA e ai Vigili del Fuoco affinché possa diventare un cane da soccorso.

In particolare saranno i Vigili del Nucleo Cinofilo dei VVF della Toscana a prendersi cura del cucciolo. Dovranno anche decidere, aggiungono i volontari dell’ENPA, se chiamarlo come lo ha chiamato il suo detentore, ovvero “Terremoto”!

I Vigili del Fuoco, sottolinea l’ENPA, sono gli stessi che hanno collaborato con l’Associazione a Norcia come ad Amatrice, salvando centinaia di animali.

È, questa, un’altra storia a lieto fine per gli animali, che arriva dal “cratere” del terremoto del 31 ottobre dopo quella del Carabiniere di Perugia che ieri ha portato a casa Luna. Luna è una micia di colore bianco, salvata venerdì sera dai volontari: si trovava in una cantina al buio. Sua sorella è stata trovata con la testa incastrata in un barattolo di pet food.

A Norcia continua a essere attivo il Punto Veterinario Avanzato dell’ENPA, dove sono stati accuditi ad ora ben 158 animali, molti dei quali in situazioni di emergenza. In totale, sono 912 gli animali assistiti dalla Protezione Animali in tutta l’area del sisma, ai quali è stato fornito cibo, medicinali, antiparassitari, assistenza e cure veterinarie. Di questi, 59 sono cani, di cui 3 trasferiti in clinica a causa delle loro condizioni, 63 gatti, 10 tartarughe, 13 galline, 1 criceto, 2 oche, 1 riccio, 4 pappagalli e 5 canarini. I ricongiungimenti sono finora 78.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati