cane cz
GEAPRESS – Un essere alieno più che un cane randagio quello recuperato dalla sezione della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Soverato, in provincia di Catanzaro. Un animale irriconoscibile fin nelle sue fattezze generali che testimonia, con il suo stato, un lungo periodo di malattia verosimilmente trascorso in strada.

Una cagnetta, forse tipo caccia, sulle cui tracce, da giorni, erano impegnati i volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane. Per poterla recuperare si era utilizzata tutta la pazienza e la tenacia di chi, quel cane, lo voleva salvo. “Appariva e scompariva in più paesi del comprensorio – riferisce Serena Voci, responsabile di Soverato della Lega Difesa del Cane – Ha percorso numerosi chilometri, nonostante le sue condizioni di salute, prima di riuscire a recuperarla“.

Infine, nella mattinata di stamani, si è avuta la svolta. La cagnetta è stata seguita ed infine bloccata. Una volontaria ha cercato di tranquillizarla, ma il suo corpo era ridotto malamente. Una scena da incubo, con la pioggia, scesa abbondante durante le fasi di recupero, che aumentava il dolore provocato dalla piaghe. Non vi è angolo della sua pelle che non sia stato assalito dalla rogna. Poi, si scoprirà dal Veterinario, una zampa posteriore con i gravi postumi di una frattura.

Betty, questo il nome dato dai volontari alla cagnetta, è ora al sicuro.

Di certo, quella cagnetta è stata da molti notata. Come riferisce Serena Voci, quel cane avrà sicuramente avuto qualcuno come punto di riferimento fino a quando è stata lasciata andare al suo destino.

L’appello è ora quello di aiutare Betty venendo incontro alle spese della Lega Difesa del Cane di Soverato. Il recupero di Betty, di certo, non sarà breve.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati