pony mb
GEAPRESS – Una segnalazione di un pony vagante tra terreni occupati abusivamente nella periferia di Seregno (MB). Questo quanto pervenuto nei primi giorni di agosto all’ENPA ed alle Forze dell’Ordine.

Una situazione che richiedeva un urgente riscontro avvenuto con il sopralluogo del Comandante della Polizia Locale, un veterinario dell’Asl e due volontari del nucleo anti-maltrattamento dell’ENPA, accompagnato dal presidente, Giorgio Riva, esperto nel recupero di cavalli.

L’area al confine con Meda, riferisce l’ENPA di Monza, si sarebbe così presentanta piena di macerie, rottami e auto di dubbia provenienza. Ma la sorpresa è stata grande: il pony non c’era più. Qualcuno nella notte l’aveva portato via, dopo aver tagliato le reti. La presenza di numerosi escrementi confermava che l’animale era detenuto da diverso tempo in quel terreno, peraltro sprovvisto di stalla o altro idoneo riparo.

Le ricerche subito avviate nell’area limitrofa hanno però portano a buon frutto: il pony, una giovane femmina, viene rinvenuto in un altro terreno, a quanto pare oggetto di una causa giudiziaria per occupazione abusiva.

Con la collaborazione del proprietario del terreno, del tutto ignaro della faccenda, e la locale stazione dei Carabinieri, è stato così  aperto il catenaccio  disposto nel corso della  notte. Anche quest’area si sarebbe rivelata  non idonea alla detenzione dell’animale, il quale, oltre ad essere sprovvisto di microchip, aveva il ventre gonfio a causa di un’alimentazione scorretta a base di erba fradicia e mele ormai marce (mancava del tutto il fieno).

Con molta pazienza, Giorgio Riva riesce a far salire la cavallina sul trailer dell’ENPA e condurla nella struttura di via Buonarroti. Qui la docile Castagna – così è stata chiamata – si è subito ambientata e ha fatto amicizia con Horus, l’imponente cavallo anche lui proveniente da un sequestro di alcuni mesi fa. Il Comune di Seregno sta aiutando ENPA con un piccolo contributo giornaliero per il mantenimento della pony.

Il puledro, però, era morto.

Il recupero della cavallina ha infatti un triste retroscena. Grazie alla stessa segnalazione, il giorno prima era stato rinvenuto nella stessa area il cadavere in decomposizione di un pony neonato, sicuramente il figlio di Castagna, morto da una ventina di giorni. La carcassa è stata rimossa dal servizio di zooprofilassi dell’Asl.

Tutta questa complessa operazione, tiene a specificare la Protezione Animali, è stata resa possibile grazie alla grande disponibilità e la professionalità della Polizia Locale di Seregno.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati