orango IAR
GEAPRESS – Una femmina di orango ed il suo piccolo venuti fuori dalla foresta in fiamme. Uno dei tanti incendi che in questi giorni sta bruciando la natura indonesiana per agevolare, probabilmente, le monocolture dell’uomo.

Innanzi alla grande scimmia  vi è un villaggio i cui abitanti, spaventati, tentano di bloccarla. L’ennesimo testimone di una natura disprezzata dall’uomo, viene così circondata. Nella foresta non può più tornare mentre, di fronte a lei, la strada viene preclusa. Per fortuna il ritrovamento dei due animali viene comunicato all’ONG International Animal Rescue che interviene subito con i suoi operatori. La femmina di orango viene così sedata mentre il cucciolo le rimane drammaticamente attaccato al petto.

I due animali sono  in salvo. Dopo alcuni giorni di osservazione, sono stati liberati in un tratto di foresta pluviale protetta. International Animal Rescue, si rivolge ora al mondo intero chiedendo di essere aiutata in un compito molto gravoso. I due orangi verranno monitorati ma la loro storia è solo una delle tante che ultimamanete si sono sugguite in un paese devastato dagli incendi.

Al posto della forestale pluviale, che fu la casa degli oranghi e non solo, sorgeranno probabilmente piantagioni di palma da olio come  impianti delle multinazionali della carta. Un probema che sembra non conoscere soluzione. Per i produttori, la foresta va “convertita”. In consumatori di tutto il mondo chiedono olio di palma e cellulosa.
La foto diffusa da Animal Rescue rappresenta in tutta la sua drammaticità quanto sta avvenendo nel sud est asiatico.

 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati