tasso
GEAPRESS – Un giovane tasso investito da un’auto alla periferia di Tovo San Giacomo (SV); il povero animale rimane esanime a terra.

Per fortuna alcune persone che abitano nei pressi lo trovano ed iniziano la penosa trafila di telefonate. Quanto accaduto viene riportato dall’ENPA di Savona che sottolinea come centinaia di persone hanno già sperimentato. Enti pubblici vari, ognuno dei quali si rifiuta di soccorrerlo accampando le solite ragioni burocratiche: “non è di nostra competenza” o “in questo momento non abbiamo personale disponibile”, etc.

Ad intervenire sono i volontari della Protezione Animali savonese, organizzazione che ha tra i propri fini certamente la protezione degli animali ma è, come molti ancora non sanno, un’associazione privata di volontariato. Sono ormai oltre 1.900 i casi occorsi nel 2016. L’ENPA è ancora una volta intervenuta in assenza della Regione Liguria, cui compete secondo legge il soccorso della fauna selvatica ferita e in difficoltà.

Il tasso è stato quindi soccorso dai volontari dell’Enpa, sottoposto a cure veterinarie e curato, in attesa di guarire ed essere poi liberato nei boschi vicini alla zona del ritrovamento.

Si tratta di animali affascinanti ma impegnativi, sia per il recupero che per la custodia, avendo una forza notevole e denti molto grossi. Vanno quindi manipolati con cautela, anestetizzati per visite o medicazioni e tenuti in box d’acciaio molto robusti; e appena recuperano forze e salute iniziano a demolire la gabbia con la voglia irrefrenabile di fuggire.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati