gheppio forestale
GEAPRESS – Una femmina di Gheppio (Falco tinnuculus), un rapace molto presente nel territorio, con il particolare di possedere un anello  nella zampa. A trovarlo è stato un cittadino in vacanza nella località “Villa Bradde” di Leonessa. Aveva notato il falchetto in difficoltà ed ha pensato bene di avvisare il locale Comando Stazione Forestale.

Il falchetto,  presentava  in effetti evidenti problemi nel riprendere il volo. Questo anche se ad un primo esame effettuato dagli Agenti intervenuti, non sono emerse né ferite da arma da fuoco né traumi particolarmente evidenti. Di particolare rilievo, invece, la presenza di un anello nella zampetta. Grazie alle sigle rinvenute, i Forestali hanno così potuto accertare come il Falco era stato inanellato dell’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica di Bologna.  Si tratta probabilmente di una “falchetta romagnola” in trasferta sulle montagne di Leonessa. Forse, riferisce sempre la Forestale, era alla ricerca di un’anima gemella.

I rapace è stato subito trasferito presso il “Giardino Faunistico di Piano dell’Abatino” ed affidato alle cure del Dr. Antonio De Marco per gli accertamenti del caso.

Ad essere in difficoltà in questo periodo, commenta la Forestale, non sono solo gli esseri umani, ma anche gli animali. Una persona sensibile ha evitato il peggio.   La Forestale non è nuova a questo tipo di esperienze essendo molteplici gli interventi in favore della fauna selvatica posti in essere nell’arco dell’anno dagli uomini guidati del Sovrintendente Alessandro Tatti, Comandante della Stazione Forestale.

Il Gheppio, spiega la Forestale,  è uno dei falconiformi più piccoli (30,35 cm. di lunghezza e 60/70 cm di apertura alare) presenti nel territorio della Provincia di Rieti, ma anche uno dei più colorati, caratterizzato  da un evidente dimorfismo sessuale dove la femmina ha un colore diverso da quello del maschio ed in particolare la sommità del capo che è e grigio–azzurrino nel maschio, mentre nella femmina mantiene la stessa colorazione del  piumaggio.   Ama cacciare negli spazi aperti ed è capace di eseguire la figura detta “dello Spirito Santo” (cioè rimane immobile nel cielo battendo velocemente le ali e aprendo la coda a ventaglio,  scrutando l’area sottostante alla ricerca di prede). La sua dieta  comprende  piccoli vertebrati, ma anche insetti, è capace comunque di adattare le sui abitudini alimentari a seconda degli ambienti.

Non appena si sarà ristabilito, il Gheppio verrà rimesso in libertà nello stesso luogo del rinvenimento.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati