GEAPRESS – Tre cani, nelle ultime 48 ore, trovati nella tratta autostradale nei pressi della città di Reggio Emilia. Ad intervenire, la Polizia Stradale che ha dovuto utilizzare molta pazienza per salvare gli animali mettendo comunque in sicurezza il traffico stradale.

Il primo intervento è avvenuto intorno alle 8.00. Due cani, nel tratto Parma – Reggio Emilia. Correvano nei pressi del casello autostradale di Reggio Emilia, al chilometro 136 dell’A1.

In questi casi, riferiscono dalla Polizia Stradale, bisogna mettere in sicurezza il traffico veicolare che, specie a quell’ora, è molto intenso. I cani, due cuccioli di cane corso del peso approssimativo di circa 10 chilogrammi, erano pericolosamente tra le macchine. Giunte sul posto, le pattuglie della Polstrada sono intervenute nel circoscrivere la galoppante quanto pericolosa passeggiata. Riusciti a condurre i cani in una zona più circoscritta si è così provveduto al soccorso ed al successivo affidamento al canile di Reggio Emilia.

Poco più tardi, però, una nuova segnalazione. Questa volta nei pressi del casello autostradale di Campegine. Il recupero, però, è stato molto più difficile del precedente. Si trattava, infatti, di un segugio da caccia, ferito e molto impaurito. Il cagnolino, ha posto molta resistenza ed il suo recupero è avvenuto solo dopo l’arrivo del personale specializzato.

Per entrambi i casi la Polizia Stradale ha avviato una serie di riscontri al fine di risalire al proprietario dei cani. Un aspetto, quello dell’abbandono in strada, ed in particolar modo in autostrada, che può arrecare serissimi rischi alla sicurezza dei guidatori. Per fortuna, questa volta, grazie alle professionalità della Polizia Stradale le cose sono andate per il meglio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: