bulldog
GEAPRESS – Era nata da una denuncia dell’Eital l’inchiesta che ha portato lo scorso marzo al patteggiamento di un allevatore del Ravennate a seguito delle condizioni di detenzione di oltre un centinaio di cani da “compagnia”.

La vicenda, però, presenta ora un inaspettato risvolto giudiziario. Secondo quanto riportato da alcuni organi di stampa dei fatti saranno chiamati a rispondere quattro veterinari e due Forestali. Si tratterebbe dei veterinari di fiducia dell’allevamento e di due colleghi dell’ASL. L’accusa riguarderebbe il mancato riferimento delle precarie condizioni dei cani. La falsità ideologica sarebbe invece contesta ai due Forestali. Quanto verbalizzato, infatti, non sarebbe coincidente con le reali condizioni.

Particolare scalpore suscitò lo stato del cibo, assalito dagli insetti, e la zona nursery ricavata all’interno di cassoni adibiti al trasporto della frutta.

“Da oggi le cose iniziano a cambiare”. Questo il commento dell’Eital, una volta appresa la notizia

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati