cuccioli immondizia
GEAPRESS – Sette cuccioli di cane gettati nella spazzatura e ritrovati ormai moribondi.

Succede a Raffadali, in provincia di Agrigento. Di loro si è accorta una ragazza che ha avvisato l’associazione Aronne, molto attiva nel territorio nell’assistenza ai cani randagi.

I cuccioli hanno bisogno di tutto e l’ideale, riferiscono i volontari, sarebbe una cagna che faccia da balia. Impresa non semplice anche perchè l’eventuale cagnolina dovrebbe poi accettare i piccoli animali. Nel frattempo, occorre latte, traverse e prodotti per lo svezzamento. Per questo l’associazione Aronne chiede aiuto contando sulla sensibilità delle persone.

Purtroppo gettare queste piccole vite nell’immondizia, sembra essere diventata un’ abitudine molto diffusa specie in alcune regioni italiane. Non aiuta il debole reato che dovrebbe reprimere questi comportamenti. Il primo comma dell’articolo 727 del Codice Penale (abbandono di animali) prevede, infatti, pene molto blande, come del resto tutti i reati di contravvenzione ai quali appartiene.

Probabilmente i cuccioli di Raffadali erano stati partoriti da una cagna di campagna, posta a guardia di un edificio rurale. Animali senza microchip e non sterilizzati ai quali, dopo il parto, viene lasciato un solo cucciolo per smaltire il latte. Tutti gli altri, fanno una brutta fine.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati