capriolo sv
GEAPRESS – Sono saliti, con quello di ieri, a quota ventuno ed in meno di due mesi. Si tratta dei caprioli bisognosi di aiuto soccorsi dall’ENPA di Savona che, anche in questo caso, non lesina critiche nei confronti delle istituzioni proposte. L’intervento, infatti, spetterebbe a loro.

Tali recuperi, sottolinea sempre la Protezione Animali, non fanno neanche più notizia.

Il ventunesimo capriolo, sarebbe così anch’esso vittima dell’inadempienza agli obblighi di legge di Regione Liguria ed Ambiti Territoriali di caccia. Si tratta di un cucciolo falciato da un tagliaerba in località Isola nel comune di Pontinvrea (SV). A differenza del piccolo soccorso a Cosseria (vedi articolo GeaPress) deceduto per le gravi ferite durante l’intervento veterinario, le sue lesioni non sono gravi e sono state suturate dal veterinario.

Il capriolo è ora in convalescenza presso uno dei collaboratori dell’ENPA, che lo aveva soccorso per primo; deve ancora essere allattato e poi, quando diverrà autosufficiente, verrà attuato un programma di liberazione in una zona protetta dai fucili dei cacciatori selecontrollori organizzati proprio dagli Ambiti Territoriali di caccia che fino al 15 luglio hanno caccia aperta al maschio di capriolo e che riprenderà il 15 agosto fino al 30 settembre.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati