Lupo Foto Mastrella
GEAPRESS – Non allontanate i lupi della Lessinia. A difenderli, secondo un comunicato dell’Europarlamente Andrea Zanoni, sarebbe la stessa Comunità Montana ed il Parco Naturale che in tal maniera si sarebbero opposti alle richieste degli allevatori.

La piccola comunità di lupi si è formata quest’anno. Si tratta, secondo gli esperti, di due cuccioli nati dall’incontro di un lupo balcanico dotato di radiocollare dall’Università di Lubiana e una femmina italiana. Due diverse popolazioni che erano separate da 150 anni e che hanno ora costituito il primo gruppo accertato delle Alpi orientali.

Un evento storico che ora, però, sarebbe stato preso di mira.

Sono pronto ad intervenire per denunciare ogni abuso o tentativo di andare contro la legge – ha dichiarato l’On.le Zanoni –  Il Lupo, oltre ad essere un animale protetto da norme nazionali ed internazionali, rappresenta un’opportunità importantissima per il Parco e il suo ecosistema e un’ “attrazione turistica” che potrà portare solo benefici alla comunità della Lessinia”.

A difendere la famigliola di lupi è anche Silvia Allegri, vicepresidente del Parco della Lessinia e consigliere Pd in Provincia. Assieme al capogruppo Lorenzo Dalai, ha presentato un emendamento per conciliare le esigenze di tutela della fauna selvatica e quelle degli allevatori. Un  emendamento che però è stato respinto. Il tutto dopo poco tempo che la Regione Veneto ha annunciato di avere aderito al progetto europeo Life WolfAlps per la conservazione del Lupo sulle Alpi.

Nessuno pensi di toccare i preziosissimi esemplari che spontaneamente hanno deciso di accasarsi nel Parco naturale della Lessinia – ha aggiunto Andrea Zanoni, vice Presidente dell’Intergruppo per il Benessere degli Animali al Parlamento europeo –  Il Lupo è una specie protetta da leggi nazionali e comunitarie, che deve essere considerato una risorsa e non una minaccia. Abbiamo avuto la fortuna che due splendidi esemplari siano rimasti nel territorio del Parco dando vita a una famiglia. Questo evento rappresenta un’opportunità importantissima per tutto l’ecosistema e può diventare una notevole “attrazione turistica” con benefici per tutta la comunità della Lessinia”.

Zanoni ha altresì annunciato di voler attentamente  vigilare sull’evolversi della vicenda dichiarandosi pronto a intervenire per denunciare ogni abuso o tentativo di agire contro la legge. “Gli allevatori – ha concluso Zanoni – devono prima di tutto capire che l’uccisione di qualche sporadico capo di bestiame fa parte del rischio di impresa e non per questo si è giustificati a allontanare i Lupi o peggio ancora ad imbracciare fucili. Il Lupo è una specie rigorosamente protetta in Italia e annoverata nell’allegato IV della Direttiva Habitat 92/43/CE che in base all’articolo 12 proibisce qualsiasi forma di cattura o uccisione deliberata di tale specie”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati