mucca
GEAPRESS – Invio di email al Sindaco di Pantelleria (TP) dopo che si è sparsa la notizia del possibile abbattimento di tre tori ormai allo stato brando.

Lo annuncia l’associazione Animalisti Italiani Onlus che constata come, nei confronti degli animali, non si riesce ad escogitare soluzioni virtuose.

A quanto sembra i tre tori vivono allo stato brado ormai da numerosi anni. I devastanti incendi che hanno recentemente colpito l’isola, hanno però fatto avvicinare i grossi animali alle abitazioni, destando allarme. Da qui l’Ordinanza che sarebbe stata emanata dal Comune. Le associazioni animaliste siciliane stanno ora facendo sentire con forza la loro voce, sottolineando come esistano delle alternative che permetterebbero di salvaguardare i cittadini senza ricorrere all’abbattimento dei tori. C’è infatti una valle, all’interno dell’isola, in cui i tre esemplari potrebbero pascolare liberamente, con diverse persone della zona pronte ad occuparsi di loro.

Come presidente di una Onlus che si occupa di diritti degli animali – dichiara Walter Caporale, presidente dell’Associazione Animalisti Italiani Onlus – posso testimoniare che tante situazioni apparentemente complicate possono essere risolte con un pizzico di buona volontà. In passato abbiamo affrontato numerose problematiche analoghe, e le soluzioni possono essere trovate. È chiaro che abbattere gli animali, quando si prefigurano dei pericoli per la sicurezza, è la cosa più semplice e rapida da fare. Questo però non la rende certo la più giusta, né significa che le alternative siano impraticabili. Mi auguro che il Comune di Pantelleria ritiri la sua ordinanza e ascolti gli appelli delle associazioni animaliste locali, altrimenti valuteremo anche l’ipotesi di una denuncia per violazione della legge sul maltrattamento degli animali”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati