pit bull pa
GEAPRESS – Un cane Pit bull, con il volto pieno di evidenti ferite di morso, è stato rinvenuto all’interno di un cassonetto dell’immondizia nel quartiere Borgo Vecchio di Palermo.

A darne notizia è l’ENPA di Carini (PA) che lamenta gli orari del canile municipale che con avrebbero consentito i soccorsi.

Il cane si trova ora ricoverato in una clinica privata a cura dei volontari e poche ore addietro è stato lanciato un appello per una trasfusione di sangue; le sue condizioni, infatti, sono critiche.  I morsi, oltre che al volto e nel collo appaiono sparsi un po’ in tutto il corpo che si presenta particolarmente smagrito. Il sospetto degli animalisti, è che il povero cane sia stato utilizzato per l’addestramento dei lottatori dopo essere giunto, per qualche motivo, a fine carriera o comunque non più adatto a sostenere il ring. Quando non è servito più, qualcuno lo ha semplicemente gettato nel cassonetto.

Purtroppo non è la prima volta che nella città di Palermo vengono ritrovati cani in queste condizioni. Pit bull, come incroci di essi, abbandonati in strada ad aggravare una gestione complessiva del randagismo particolarmente complicata. I Pit bull, come in più occasioni sottolineato dagli animalisti, costituiscono una sorta di “randagismo parallelo” che necessita di attenzioni particolari che però, per la vastità del fenomeno, nessuno è in grado di dare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati