cuccioli canile
GEAPRESS – Nessun operaio della Reset, la partecipata del Comune di Palermo, ha potuto assolvere stamani alle incombenze prioritarie, come pulizia e distribuzione del cibo, del canile municipale di Palermo. Lo affermano i responsabili delle associazioni animaliste di Palermo che fin dalle prime ore si sono piazzati dietro i cancelli della struttura di Via Tiro a Segno.

Sul luogo è stata chiamata una Volante della Polizia di Stato ed infine, nella tarda mattinata, sono stati fatti entrare i presidenti delle associazioni.

Abbiamo trovato tutto sporco e ci stiamo dando da fare per garantire un pasto ai cani e una sciaquata delle gabbie che, considerato l’orario, non potrà che essere veloce“. Così, riferisce a GeaPress Giusy Caldo, volontaria dell’associazione ADA che fino ad ieri era incaricata dell’espletamento dei servizi presso il canile municipale (vedi articolo GeaPress). Non è chiaro il perchè, allo scadere della convenzione con ADA, non vi sia stata subito una presa in consegna da parte della Reset. Dal canile municipale così come dall’Assessorato Igiene e Sanità, non è stato possibile parlare con i responsabili dei rispettivi settori.

Intanto per questo pomeriggio l’ADA è stata convocata dal Comune. Sembra si voglia proporre ai volontari un affiancamento temporaneo al personale Reset. Un fatto che potrebbe non lasciare contenti tutti. “Vedremo che tipo di affiancamento e se di questo si tratta – aggiunge Giusy Caldo – Intanto i cani li abbiamo trovati sulle loro feci. I cuccioli non avevano ancora mangiato, nessun cane era ancora uscito dalle gabbie mentre il plesso dell’ ex mattatoio [ndr altro luogo dove sono detenuti i cani del canile municipale] è ancora chiuso con il lucchetto. Prendiamo atto che stamani non vi era nessuno. Per il resto a noi interessa il benessere degli animali e questo vogliamo venga tutelato dal Comune e non con un nostro affiancamento solo temporaneo”.

Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati