protesta
GEAPRESS – Alla fine un incontro con Orlando c’è stato, ma si è trattato di Salvatore Orlando, ovvero il Presidente del Consiglio Comunale, e non di Leoluca, Sindaco di Palermo  al quale era indirizzata la protesta di oggi.

Questo il principale risultato ottenuto a seguito della protesta di oggi inscenata a Piazza Pretoria.

Una cinquantina di animalisti, appartenenti a diverse sigle dell’associazionismo Palermitano avevano infatti chiesto stamani al primo cittadino un intervento deciso che ancora una volta, però, sembra essere mancato. L’incontro con il quasi omonimo Presidente del Consiglio Comunale, però, potrebbe portare delle novità nell’infuocata polemica che tiene ormai banco da quasi un mese. Al centro, ci sono sempre i trasferimenti dei cani accalappiati.

Due i punti principali che sono stati concordati nell’incontro di oggi: convocazione del Dirigente dell’Assessorato Igiene Sanità con  competenza per il canile municipale e messa all’Ordine del giorno del Consiglio Comunale (forse già dal prossimo mercoledì) della contrastata questione  relativa agli accordi con il canile convenzionato della provincia di Palermo che ha effettuato i prelievi. Su quest’ultimo  gli animalisti di Palermo, continuano a chiedere al Comune i luoghi di destinazione dei cani finora portati via.

In attesa degli sviluppi oggi concordati, gli animalisti pensano a riorganizzarsi e per questo è sospesa la protesta innanzi al canile municipale. Tutti, però, sono pronti a riprendere le iniziative nel caso la situazione dovesse degenerare. Stante indiscrezioni in attesa ancora di conferma, il Comune potrebbe stilare una convenzione con il canile esterno già a partire da settembre mentre non è ancora chiaro il presunto prelievo di cani incidentati che potrebbe avvenire nelle ore notturne. Impegni che, però, sarebbero già previsti nella convenzione in vigore con chi attualmente opera presso la struttura comunale, ivi compresi i prelievi dei cani.

Sulla questione potrebbe avere un ruolo preminente la prossima ristrutturazione del canile e le scadenze dei fondi  riservati. Ancora indefinita la disponibilità al prelievo dei cani ospitati presso la struttura di via Tiro a Segno e per quali vi era stata la disponibilità ad accoglierli da parte di alcune strutture di volontariato  esistenti nella città di Palermo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati