cucciolo
GEAPRESS – Sarebbe morta in poco tempo la cagnolina che qualcuno la scorsa notte ha gettato in una discarica non autorizzata nei pressi del cimitero palermitano dei Rotoli. Un parcheggio tra una fila di case ed il mare. Un luogo sicuro, deve avere pensato l’inqualificabile individuo che notte tempo si è avvicinato ai bordi di quel parcheggio, lanciando in un tratto scosceso la povera cagnolina.

Non più di trenta giorni di vita che per fortuna sono stati sufficienti per regalarle la forza di lamentarsi a gran voce.

Un operaio della zona ha stamane notato i lamenti ed ha così avvisato un volontario di un Rifugio palermitano. Il Sig. Nicola Alessandro, si è così recato nei luoghi individuando il punto da dove provenivano i lamenti. Sceso nel tratto scosceso, tra materiale edile e rifiuti di vario genere,  vi era la cagnetta.

Per fortuna non ha riportato ferite gravi e le alte temperatura di questi giorni non le hanno fatto patire il freddo. Poteva però morire di inedia visto che la marginalità del luogo, oppure finita dai ratti.

Per fortuna l’intervento del volontario ha scongiurato il peggio e la cagnolina cerca ora adozione.

In Italia il reato di abbandono è punito con un blando reato di contravvenzione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati