rott II
GEAPRESS – Una “massa” strana, legata al cancello del canile municipale di Palermo. Chi per primo lo ha visto quasi non credeva ai propri occhi. Un cane, molto giovane, di non più di cinque mesi di vita. Un maschietto di Rottweiler, ma quello di verificare il sesso, riferiscono i volontari, è stato l’ultimo dei pensieri.

Il povero cucciolone guardava con i suoi occhi dolci le persone che  si avvicinavano. Occhi tenerissimi in un corpo ridotto in uno stato pietoso. Un addome enorme che, all’esame veterinario, risulterà pieno di liquido. Poi le zampe, gravemente deformate.

Giusy Caldo, volontaria del canile, non ci ha pensato due volte. Si è intestata il cane e lo ha portato in un ambulatorio veterinario privato.

Almeno due litri di liquido sono stati finora estratti. Il Veterinario, però, riferisce di non meno di tre-quattro litri  ancora in corpo. Ad un prime esame è risultato affetto da stenosi cardiaca e polmonare. E’ stata proprio quest’ultima a causare l’accumulo di liquido. Una situazione molto grave che sicuramente mette a rischio la sopravvivenza del cagnolino.

Viene da chiedersi chi lo ha ridotto in quello stato. “Il cucciolo – riferisce Giusy Caldo a GeaPress – era legato al cancello. Sotto di lui un tappeto igienico e nulla più“.

Difficile potere stabilire cosa può avere provocato la deformazione alle zampe. Forse un male congenito sul quale non si è intervenuti. Una deformazione delle zampe che può capitare a Rottweiler e Pit bull.  Un’ altra ipotesi è che l’ascite, formatasi gradualmente, possa aver pesato sulle zampe in formazione, deformandole. Si tratta, per ora, solo di una supposizione che dovrà essere verificata alla luce di altri esami anche di natura neurologica.

Il giovane Rottweiler, intanto, è ancora dal Veterinario. Per lui occorrerà di sicuro molto aiuto, ma su questo i volontari sperano sul buon cuore delle persone. Di certo occorrerà un po’ di pazienza, prima di ridurre l’enorme volume dell’addome. Si vedrà poi come procedere fino, si spera, ad una adozione del cuore.

VEDI AGGIORNAMENTO – IL CUCCIOLO E’ MORTO

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati