strage cani
GEAPRESS – Sarebbero almeno mille i cani uccisi con il veleno nella città Pakistana di Karachi. Si tratterebbe, però, solo di quelli visti ed effettivamente documentati ma si teme che il numero complessivo sia molto più alto di quanto reso noto.

I cani di Karachi sono stati uccisi come risposta all’elevato numero di morsi che ogni anno si registra nella città Pakistana. Un scelta duramente contesta dagli animalisti Pakistani.

La denuncia, diffusa dall’ONG Pakistan Animal Welfare che ha diffuso il video, è stata ripresa dai giornali locali. I cadaveri, nei diversi punti della città, vengono raccolti nei camion e  concentrati per il definitivo prelievo destinato allo smaltimento. A quanto sempre l’esca utilizzata è a base di pollo.

Vani sono rimasti gli appelli degli animalisti che avevano chiesto le sterilizzazioni dei randagi oltre che una campagna di vaccinazione verosimilmente destinata a debellare la diffusione della rabbia. A quanto sembra sono circa seimila i morsi che ogni anno vengono registrati nella città, una delle più popolose al mondo.

Pakistan Animal Welfare ha nuovamente esortato le autorità Pakistane ad intervenire in maniera diversa, bloccando immediatamente le uccisioni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati