Capriolo
GEAPRESS – Due macchine coinvolte nell’investimento di un capriolo. La prima, è però riuscita ad evitare l’animale, mentre la seconda ha colpito un’altro capriolo che seguiva a poca distanza. Entrambe le macchine si sono fermate e gli occupanti hanno cercato subito di prestare soccorso.

E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri nella strada che da Miasino porta a Gozzano, in provincia di Novara.

Il capriolo, un maschio adulto che stava saltando per attraversare la strada, è rimasto ferito ai bordi della carreggiata. Gli automobilisti, però, si sentono impotenti. Il freddo è pungente, l’intera zona è al buio.

Per fortuna proprio in quel momento si trovava a passare con la propria automobile Francesco Ragusa, Responsabile delle Guardie Ecozoofile ANPANA Novara, e Emanuela Zonca Presidente della Sezione. “Abbiamo notato le auto ferme con le frecce accese – riferiscono i due responsabili dell’ANPANA – ed abbiamo rallentato appena si è avuto modo di notare le persone che guardavano il margine della strada. Ci siamo fermati e con una torcia abbiamo visto di cosa si trattava“.

I due responsabili, hanno subito segnalato il pericolo alle altre auto in transito mentre il capriolo, sotto shock, ansimava vistosamente; dal muso e dalla coscia posteriore destra, perdeva sangue. Francesco Ragusa ha subito prestato il primo soccorso; una materia ben conosciuta dalle Guardie grazie ai corsi di aggiornamento.

Da una prima valutazione la ferita non sembrava essere dovuta a frattura. Adagiato il corpicino  su di un telo si è così provveduto a bloccare il sanguinamento. Nel frattempo la vice presidente dell’associazione contattava la Polizia Provinciale ed il Veterinario ASL. Vista l’urgenza si è deciso di trasportare il capriolo presso la clinica veterinaria Monte Rosa del Dott. Alberici a Castelletto Ticino la quale, una volta allertata, ha subito predisposto per il soccorso.

Il povero animale è stato così sottoposto a terapia antibiotica e antidolorifica. Le condizioni generali sono apparse buone ed eseguiti i punti di sutura  si è deciso per la sua liberazione portata a compimento dagli agenti della Polizia Provinciale.

“Agli automobilisti – ha dichiarato Francesco Ragusa – raccomando prudenza sulle strade con i cartelli che indicano attraversamento di animali e in caso di incidente di fermarsi a soccorrere. In questo caso il nostro intervento repentino e la clinica veterinaria gli ha salvato la vita“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati