cane norcia
GEAPRESS – Un sibilo avvertito sotto le macerie di Norcia, gravemente danneggiata dal terremoto che ha colpito l’Italia centrale il 30 ottobre scorso.

Un cane adulto, completamente sepolto dai detriti, salvo grazie ad una tavola di legno ed alla professionalità ancora una volta dimostrata dai Vigili del Fuoco. L’impatto con il pietrame piovuto sopra il povero animale è stato infatti attutito dalla tavola che ha probabilmente riservato una piccola camera d’aria che ha impedito la morte per soffocamento.

I Vigili del Fuoco, subito accorsi nei luoghi, si sono arrampicati sul cumulo di macerie iniziando con delicatezza a spostare i detriti. E’ così apparsa per prima una zampa e poco dopo la testa del cagnolino di colore nero. I soccorritori hanno iniziato ad alleviare il peso dei detriti che gravava sulla tavola provvedendo opportunamente a svincolare il cane dal materiale che lo ricopriva totalmente impedendogli ogni tipo di movimento.

Subito è partita la telefonata per il Punto Veterinario Avanzato dell’ENPA istutito a Norcia appena fuori la zona rossa. Solo i Vigili del Fuoco, aveva comunicato la Protezione Animali nelle scorse ore, possono infatti entrare nell’area isolata perchè non ancora in sicurezza. Una situazione precaria anche a causa delle continue scosse di terremoto che si susseguono nei luoghi.

Il cane è stato subito rinfrescato con una ciotola di acqua ma non è ancora noto quali danni abbia subito. Si presentava reattivo e questo fa ben sperare per una sua guarigione.

Il buon coordinamento tra i soccorritori e le strutture messe a disposizione dai volontari si è dimostrato ancora una volta fondamentale. Ieri, intorno alle 13.00 erano già 16, tra cani e gatti, gli animali pervenuti presso il Punto Veterinario Avanzato dell’ENPA, al quale si aggiunge una squadra ancora operativa ad Amatrice.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati