skippy
GEAPRESS – Salvato da un luogo decisamente poco appropriato. Il povero Skippy, quando è stato prelevato da Ornella ed Anonietta, volontarie UGDA, mangiava e vomitava. Le volontarie, si sono date subito da fare e grazie al loro contributo Skippy è stato ricoverato per venti giorni in una clinica veterinaria.

All’inizio – riferiscono le volontarie dell’UGDA – non si reggeva in piedi. Mangiava e vomitava di continuo per un problema pancreatico“.

L’impegno dello volontarie è stato premiato ed oggi Skippy è adottato presso una bellissima famiglia sebbene dovrà mantenere per tutta la vita una cura ed una alimentazione particolare.

Skippy è uno dei tanti cani salvati dai volontari di Napoli che si stanno ora impegnando nella costruzione di un Centro di Prima Accoglienca che l’UGDA, grazie anche alla collaboraizone offerta dal Garante per i Diritti Animali di Napoli.

Nell’estate 2013 – ha dichiarato Stella Cervasio Garante per i Diritti degli animali del Comune di Napoli – non dimentico la collaborazione che offrirono i ragazzi dell’Ugda all’Ufficio Tutela del Comune. L’Ugda con la creazione di questo piccolo riparo per la prima accoglienza di casi “estremi” che spesso non trovano rifugio da nessuna parte, ha dato un segnale importante: quello di servirsi di uno start-up per dare un esempio di adeguatezza e disponibilità nelle emergenze.”

I volontari, tramite le pagine di GEAPRESS, lanciano un appello per la realizzazione del progetto. Per questo ti invitiamo a cliccare sulla PAGINA TEMATICA e, se lo vorrai, contribuire direttamente.

Nella foto di copertina, Skippy al momento del ritrovamento. Nella foto allegata, come è ora.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

skippy ora