agnello napoli
GEAPRESS – La segnalazione era arrivata lo scorso 21 dicembre. Un agnello vivo in macelleria, a Napoli. Ad accogliere l’appello di un abitante della zona indignato per quello “spettacolo” è stato il Garante per i Diritti degli Animali di Napoli Stella Cervasio. Subito sono partite le verifiche che hanno portato all’effettivo riscontro di un agnello di circa mese di vita. Era esposto in una macelleria nei pressi di piazza Nazareth. Ad intervenire, oltre allo stesso Garante, anche l’Asl veterinaria e le Guardie Ambientali del Comune.

A quanto pare il macellaio, alle richieste di chi voleva sottrarre alla morte il povero animale, avrebbe risposto che voleva destinarlo alla produzione del latte da dare al figlio. Secco il commento del Garante: “A parte il buon gusto di mettere in vetrina un animale vivo dopo averne vendute decine della stessa specie morti, si potrebbe delineare pure il reato di maltrattamento”.

Intanto, per chi volesse adottare l’agnello (nelle foto appena viene portato via dalla macellaria), potrà recarsi alla Asl dove saranno eseguiti gli accertamenti del caso.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati