cigno reale
GEAPRESS – La prima segnalazione che Romeo, il cigno del laghetto di Villa Reale, stava male era pervenuta lo scorso 21 aprile.  Allora era stato recuperato dagli operatori del Consorzio del Parco della Villa Reale e del Parco di Monza e subito portato al Centro di Recupero Animali Selvatici (CRAS) di Vanzago (MI).

L’animale aveva accusato problemi respiratori e si presentava debole e magro. Un situazione molto simile si era registrata nell’ottobre 2015 quando era stato recuperato dall’ENPA monzese. Quella volta, grazie alle cure con antibiotici, integratori e una dieta adeguata presso il CRAS, gestito dal WWF, dopo alcune settimane Romeo si era ripreso riprende e aveva potuto tornare a essere il re incontrastato del “suo” laghetto.

Ma questa volta il lieto fine non c’è: poco ore dopo il suo ricovero, Romeo è morto.

La triste notizia, commento l’ENPA di Monza, segnala la fine di un’epoca. Il cigno era un punto di riferimento per tutti i monzesi e i brianzoli abituati a passeggiare nei giardini della Villa Reale, all’interno del Parco di Monza. Romeo, classe 2003, da quando il destino lo aveva separato dalla sua Giulietta, la compagna di una vita morta alcuni anni fa, non ha voluto saperne di condividere lo specchio d’acqua con altri esemplari della sua specie, preferendo la compagnia di un maschio di anatra muta bianca e nera.

Stante quanto riportato dall’ENPA di Monza sembra che il Consorzio dovrebbe a breve acquistare una giovane coppia di cigni selvatici (Cygnus cygnus), molto simili al cigno reale, il cui arrivo è previsto per l’inizio dell’estate.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati