corso ferito
GEAPRESS – Intervento del Nucleo anti maltrattamento dell’ENPA di Monza e Brianza nell’area della “Cascinazza”.  Stante quanto riportato dalla Protezione Animali, due cagne, tipo cane corso, si sentivano  guaire e lamentarsi.

I volontari riferiscono di segnalazioni che riportavano la presenza dei cani legati alla catena e sotto il sole cocente, molto magri e pieni di pulci e zecche. Gli animali sarebbero così risultati in evidente stato di abbandono. Al momento del sopralluogo, però, i cani non erano visibili. Secondo l’ENPA potrebbero essere stati  nascosti; il loro ritrovamento è avvenuto grazie alla precisione della segnalazione.

Una volta individuati i due poveri animali, si riscontrava quanto segnalato con l’aggiunta dell’acqua, poca, putrida e di fatto irraggiungibile per via delle catene troppo corte. Una delle due cagne era inoltre impedita nei movimenti a causa della presenza di un bastone infilato nel collare.

La situazione si è fatta drammatica quando una delle due, resa aggressiva dallo spavento, è riuscita a liberarsi. Dopo essersi fiondata a bere, aggrediva il compagno di sventura per accaparrarsi un tozzo di pane. Avvisata la Polizia Locale ed i Veterinari si è provveduto al sequestro dei due animali che risultavano microchippati. I rispettivi proprietari, però, erano irreperibili. Il sospetto della Protezione Animali è quello di un abbandono finalizzato alla morte.

Le due femmine di cane corso sono state trasferite presso il canile dell’ENPA dove, trovata la tranquillità e subito rifocillate, si sono addolcite. I volontari le hanno chiamate Elsa e Daisy.

I due proprietari, invece, dovranno difendersi dall’accusa di maltrattamento di animali.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati