cane balcone
GEAPRESS – Ancora un episodio di un cane abbandonato sul balcone di casa. Un cucciolo di appena due mesi a Monza, nel quartiere San Rocco.

I volontari del nucleo antimaltrattamento dell’ENPA di Monza e Brianza, avevano messo in atto ripetuti  sopralluoghi nei pressi dell’appartamento, attuati in giorni e orari diversi. Questo con il fine di appurare la veridicità delle segnalazioni pervenute.

Veniva così evidenziato come la cucciola era effettivamente sempre fuori sul balcone. Da una rete frangisole sbucava la testa del povero animale.

Sabato scorso, i volontari si sono così recati presso l’abitazione per parlare con i proprietari del cane. Anche questa volta, mentre in casa ancora tutti dormivano, la cucciola era chiusa fuori sul balcone senza alcun riparo. La famiglia, straniera, si è giustificata affermando che la piccola ogni tanto sporcava in casa. Loro per lavoro stavano fuori parecchie ore e la sua gestione era impegnativa.

Oltre alla cuccia mancava anche il microchip e il libretto sanitario.

I proprietari sono stati quindi informati delle violazioni riscontrate e di come tale modalità di detenzione fosse non solo illecita ma in netto contrasto con le esigenze psico-fisiche del cucciolo. Si è così giunti alla conclusione di firmare la cessione della piccola oltre al fatto che gli stessi proprietari stati diffidati verbalmente dal prendere altri animali.

Condotta al canile intercomunale di Monza, dopo la visita veterinaria e l’applicazione del microchip, Guia (questo il nome scelto dai volontari ENPA), di taglia piccola e molto docile, è stata dichiarata adottabile. Dopo appena poche ore di permanenza nel suo box, una giovane coppia di infermieri ha deciso di prenotarla e un paio di giorni più tardi la Guia, adottata definitivamente, ha lasciato con loro il canile.

Il canile intercomunale di Monza, in via Buonarroti 52, è aperto al pubblico ogni pomeriggio dalle 14,30 alle 17,30, tranne mercoledì e festivi.

Alleghiamo due foto del cane, una sul balcone della sua (orma ex) casa e uno in braccio a una volontaria ENPA.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati