GEAPRESS – Senza possibilità di fuga, ma a fin di bene. E’ stato questo, ma solo per alcune ore, il destino di una volpe accolta dall’ENPA di Milano dopo che un automobilista l’aveva investita senza prestarle soccorso.

I fatti sono accaduti in zona Bareggio, alle porte di Milano, giovedì sera. Per fortuna del piccolo animale si era accorto un altro automobilista. Subito fermatosi ha raccolto la volpe avvolgendola in una sciarpa. Già, lungo il tragitto presso la sede dell’ENPA di Milano, la volpe aveva però iniziato a farsi sentire dal vano posteriore dell’automobile. Giunta nella sede di via Gasseddi, ed intuendo cosa sarebbe potuto accadere, i volontari dell’ENPA hanno preferito provvedere al recupero al chiuso di un cortile.

Ed infatti, appena notato uno spiraglio, la vispissima volpe è schizzata fuori dalla macchina facendo poi impiegare non poco tempo per il suo recupero. Almeno una volta, però, la “reclusione” ha giovato alla vita di un animale. Controllata dai Veterinari dell’ENPA, la volpe ha già riconquistato la sua libertà in un’area sicura.

L’ENPA approfitta dell’occasione per ricordare come con il nuovo Codice della Strada è stato introdotto l’obbligo di soccorso per gli animali feriti in caso di incidente stradale. La legge cita testualmente: “9-bis. L’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti, ha l’obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subìto il danno. Chiunque non ottempera agli obblighi di cui al periodo precedente è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 389 a euro 1.559.”

Di conseguenza, dicono all’ENPA, chi assiste a scene di questo genere, può annotare il numero di targa e provvedere a segnalarlo alla Polizia Stradale, Provinciale o Municipale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati