molossoide tre
GEAPRESS – Una pensione/allevamento nella provincia milanese. Questo il luogo dell’intervento delle Guardie Zoofile dell’OIPA di Milano che, dietro segnalazione, hanno rinvenuto 19  cani molossi, tra i quali cani corso, mastini napoletani e spagnoli, dogo argentino.

Secondo quanto riportato dall’OIPA i cani sarebbero stati abbandonati oltre che a presentare segni di denutrizione. Segnalati anche i presunti casi di stress tra i quali quello che avrebbe interessato una femmina  gravida che ha partorito 9 cuccioli. Secondo le Guardie sarebbe stato proprio lo stress a causare l’uccisione, da parte della madre, di quattro cuccioli.

Un individuo adulto è inoltre deceduto nei giorni successivi. Ad essere imputato e il quadro clinico che si sarebbe presentato, riferisce sempre l’OIPA, compromesso dalle mancate cure.

L’intervento ora comunicato parrebbe però ricollegarsi ad una precedente indagine svoltasi questa volta nell’Isla  d’Elba.Si sospetta che i cani fossero stati tenuti al buio e tra i loro stessi escrementi in gabbie ricavate con materiale da recupero. La segnalazione giunta alla Asl territorialmente competente, non avrebbe tuttavia portato al sequestro, ma  a prescrizioni in merito alla detenzione. Il sospetto è che i cani siano stati poi trasferiti in Lombardia.

I fatti hanno poi avuto una prosecuzione nel momento della denuncia del titolare della pensione che si è trovato a dover mantenere i 19 cani. Le Forze dell’Ordine, infatti, avevano aperto un fascicolo al quale le Guardie Zoofile OIPA hanno contribuito con indagini. In tal senso è stato messo a disposizione personale ausiliario esperto in salute e comportamento. Il tutto al fine di una valutazione dello stato dei cani, trovando immediatamente una sistemazione alternativa per i cuccioli, la cui incolumità era maggiormente esposta ai possibili fattori si stress della madre.

Paola Papi, coordinatrice delle Guardie Zoofile OIPA di Milano e provincia si chiede ora come sia stato possibile che questa situazione non  sia stata affrontata nella precedente dimora dei cani.

Il presunto proprietatio, al momento irreperibile, è stato denunciato e dovrà rispondere dell’accusa di maltrattamento e abbandono di animale.

Le guardie zoofile OIPA Milano stanno valutando in queste ore sistemazioni idonee per i cani e, data la mancanza di disponibilità degli enti preposti a farsene carico, si stanno attivando per il trasferimento in strutture adatta al recupero degli esemplari più compromessi a livello comportamentale, con l’obiettivo di poterli dare in adozione e restituire loro la dignità che gli è stata tolta.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati