vigili
GEAPRESS – Sarebbero sicuramente morti senza il pronto intervento dell’ENPA e dei Vigili del Fuoco di Milano. Si tratta di diciotto anatroccoli individuati in via Melchiorre Gioia, esattamente dove il Naviglio Martesana si getta, con una piccola cascata, nella parte tombata che corre sotto il percorso stradale della città.

Quando sono stati notati gli anatroccoli stavano cercando disperatamente di risalire la corrente prima del salto finale. Oltre, sarebbe stato impossibile raggiungerli.

Per poterli trarre in salvo i Vigili del Fuoco del Reparto Speleologico Alpino Fluviale, si sono dovuti immergere in acqua. Con l’aiuto dei retini le piccole anatre sono state catturate una alla volta per essere poi consegnate agli operatori dell’ENPA. Sotto gli sguardi dei passanti, dapprima incuriositi e poi, durante le operazioni di salvataggio, sempre più in ansia e partecipi per la sorte degli anatroccoli, tutti gli animali sono stati tratti in salvo. L’ENPA, nel sottolineare la disponibilità sempre dimostrata dai Vigili del Fuoco di Milano, comunica altresì come tutti gli animali stanno bene; sono stati trasportati presso la clinica veterinaria della Protezione Animale milanese.

Il luogo dove è avvenuto il salvataggio e questa problematica sono conosciuti da anni sia dalla cittadinanza” dichiara Ermanno Giudici Presidente ENPA Milano “che dalle istituzioni, a partire dall’Ufficio Tutela Animali del Comune di Milano arrivando al Consorzio Villoresi, ai quali rinnoviamo l’ennesima richiesta affinché vengano adottati dei provvedimenti, per non dover più assistere a queste scene, mettendo in sicurezza l’area in cui il Martesana s’interra. Già in passato abbiamo inviato comunicazioni e richieste circa la stessa problematica ma senza ricevere alcun riscontro“.

Una volta che gli animali oltrepassano la grata posta per evitare il passaggio di rifiuti trasportati dalla corrente, nessuno sa che sorte potesse loro capitare. L’ipotesi più ragionevole, riferisce sempre l’ENPA di Milano, è quella della morte per annegamento o preda dei topi.

L’ENPA ricorda come di recente, nell’attesa dell’intervento dei Vigili del Fuoco, un cittadino si sia calato in quel tratto del Naviglio, per fortuna con una portata d’acqua ridotta rispetto ad oggi, per salvare un altro anatroccolo che si trovava in pericolo, mettendo così a repentaglio la propria sicurezza pur di trarlo in salvo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati