GEAPRESS – Una piccola faina. Piccola di età, tanto da essere finita, domenica sera, nella bocca di un gatto. Il fatto è avvenuto a Vighignolo, una frazione di Settimo Milanese. Forse, il gatto, aveva scambiato la piccola faina per un topo. Appena il tempo di chiamare i volontari dell’ENPA milanese e il piccolino è stato consegnato alle cure delle mani esperte dei Veterinari dell’Associazione di via Gassendi 11.

Un problema respiratorio già rientrato dopo le terapie dei Veterinari. Poi la piccola faina è stata consegnata al Centro recupero Animali selvatici di Vanzago, gestito dal WWF.

Solo l’ultimo salvataggio operato dai volontari dell’ENPA di Milano, molto più spesso intervenuti per recuperare i tanti cosìddetti pets, abbandonati perché non più … perfetti. Per questo, fidandoci dell’esperienza degli autori, abbiamo deciso di dedicare appena poche righe al nuovo libro di Ermanno Giudici, Presidente e Capo Nucleo Guardie dell’ENPA di Milano, e Nadia Ghibaudo, esperta del settore e volontaria in favore degli animali. “Il grido degli innocenti”, questo il titolo della pubblicazione (Gruppo Editoriale Castel Negrino) ci introduce, con una lettura veloce ma efficace, nei segreti celati dietro le vetrine incantate del mondo dei pets. Non solo sotto il profilo dei commerci, come quello dei cuccioli, ma anche per i costi di mantenimento difficilmente dichiarati dai commercianti.

Problemi non solo per gli animali, ma anche ambientali. Tanto, si ripercuotono sempre sugli animali, come nel caso dei progetti di eradicazione (inutili) dell’americano scoiattolo grigio. Le curiosità derivate dai comportamenti sbagliati dell’uomo, come la nutria salvata dai volontari dopo aver provato l’accoglienza di un … bancomat (!) ai consigli (spesso impossibili da rispettare) per il corretto mantenimento di questi animali. Un conto inclemente, quello dei costi (monetari e non) il quale, come dicono gli autori, dovrebbe impedire di essere ottimisti.

Il libro verrà presentato a Milano, venerdì 27 maggio alle 18.30, presso il bar ristorante “Dolce e Salato” di via Bisceglie, angolo via Kuliscioff. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).