GEAPRESS – Uno strano visitatore ha “bussato” alla chiesa parrocchiale di Dego (SV); un bellissimo allocco è andato, infatti, a sbattere contro la porta della canonica, cadendo a terra in evidente difficoltà.

L’uccello rapace – hanno riferito dalla sede ENPA di Savona – è discretamente presente nelle campagne liguri. E’ stato soccorso dai volontari della Protezione Animali savonese, i cui veterinari lo stanno curando e cercano di capire l’insolito comportamento; appena guarito verrà liberato in un bosco adatto della zona di provenienza.”

Sono sempre di più gli animali selvatici che si avvicinano ai centri abitati ed aumentano di conseguenza i soccorsi dei soggetti in difficoltà effettuati dall’ENPA, sulla base di una convenzione con la Provincia di Savona (titolare per legge del servizio), scaduta da cinque mesi ed ancora non rinnovata mentre, nel frattempo, l’associazione ha recuperato 320 animali.

Caso tipico di avvicinamento alle città è dei cinghiali, specie in sovrannumero, la cui crescita viene combattuta con la caccia, che invece ne costituisce la causa; l’ENPA chiede da anni che si studino metodi efficaci ed incruenti per contenerne il numero ma, evidentemente, per molti cacciatori e politici loro amici la situazione va bene così anche se a scapito dei contadini. Si tenta invece di dare la colpa del fenomeno a chi fornisce loro cibo, mentre occorrerebbe disciplinare tale attività anziché proibirla: depositare cibo lontano dai centri abitati favorirebbe invece il trasferimento e la permanenza dei cinghiali nei boschi da cui provengono.

Già lo scorso aprile un altro curioso soccorso era stato eseguito a Matera (vedi articolo GeaPress).Sempre in una chiesa, era addirittura riuscito ad entrare un Falco Grillaio. In quel caso vi passò l’intera notte. L’indomani, con l’apertura delle finestre, il rapace riguadagnò la libertà.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati