spinone
GEAPRESS – Quando tutta la vita ruota attorno al proprio cane.

Una vita fatta di stenti affrontati con dignità giorno per giorno. E’ la vita di un senzatetto e del suo cane. Inseparabili e senza che, al povero cagnolino, venisse fatto mancare nulla ivi compreso l’obbligo di legge del microchip.

Proprio dal controllo del microchip la Polizia Ferroviaria ha avuto la certezza di cosa fosse avvenuto.

Il senzatetto, infatti, si trovava in un treno diretto a Pisa. Appena un minuto per andare in bagno con il cagnolino che, come al solito, l’avrebbe aspettato sotto il sedile. Al ritorno, però, l’amara sorpresa: il cane era scomparso assieme alla poche cose che il suo padrone portava sempre con se. L’uomo, disperato, inizia a cercarlo e approfittando della fermata a La Spezia si rivolge alla Polizia Ferroviaria che attivava subito le ricerche. La descrizione era quella di un meticcio, tipo spinone, inseparabile compagnia del senzatetto.

Gli Agenti riconoscono il cane vicino ai binari ma, incredibilmente, è al guinzaglio di un altro uomo. Fermato il soggetto e controllato il microchip, ogni dubbio viene meno. Il cagnolino viene riconsegnato e per questa volta, riferisce la Polizia di Stato, c’è il lieto fine.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati