cinghiale morto
GEAPRESS – «Sulla nostra rete viaria non esiste alcun allarme selvatici, né, tanto meno, alcun allarme cinghiali». Lo afferma l’Ente Nazionale Protezione Animali commentando i dati citati oggi dalla Coldiretti che parla di 18 persone decedute e di altre 145 ferite in incidenti che hanno coinvolto animali.

Benché si tratti di numeri comunque tragici, sottolinea Enpa, gli incidenti con animali (214 nel 2014, secondo Asaps) rappresentano appena lo 0,12% del totale riferito al 2014 (177.031 eventi complessivi, dati Aci-Istat). Prendendo a riferimento sempre le statistiche Aci-Istat, la linea di tendenza sembra essere la medesima anche per quanto riguarda le persone decedute a causa di un impatto con animali selvatici (18 su un totale di 3.381, pari allo 0,5%), sia per quelle rimaste ferite (145 su un totale di 251.147).

Sulle nostre strade ben altro allarme, rispetto ai selvatici, dovrebbero invece suscitare il mancato rispetto della precedenza, la distrazione alla guida e la velocità elevata, che secondo Aci e Istat, causano circa la metà degli incidenti.

Secondo l’ENPA, in caso di squilibri nelle popolazioni selvatiche, non bisogna ricorrere agli abbattimenti, del tutto inutili, ma in modo scientifico, ovvero agendo sulle cause di tali squilibri e ricorrendo ai metodi ecologici prioritari per legge; gli unici veramente efficaci per limitare, laddove siano reali, i danni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati