cani carne india
GEAPRESS – In India non si mangia carne di cane e il suo uso per fini alimentari è formalmente proibito.

Questo divieto, però, è difficile da far rispettare nello Stato di Nagaland, nell’estremità nord orientale della federazione Indiana al confine con il Myanmar. Secondo quanto documentato dall’ONG i cani sono legati in sacchi con i musi a loro volta bloccati. Così rimangono dal momento della cattura, fino alla loro macellazione.

Il povero animale, a volte, viene acquistato vivo dal cliente per essere poi bastonato a morte in un posto diverso da quello ove è stato acquistato. La carcassa viene passata nel fuoco o gettata nell’acqua bollente al fine di rendere più semplice il distacco della pelle.

Inutile dire che niente, per quanto riguarda la normativa indiana, viene rispettato. Per questo la sezione indiana della Humane Society International ha scritto al Primo Ministro del Nagaland sollecitandolo affinchè il divieto assoluto di cibarsi di carne di cane venga fatto rispettare. Tale imposizione risale, addirittura, al 1960. La Humane Society ha inoltre lanciato una petizione affinchè le autorità governative si attivino per il definitivo bando della crudele, quanto illegale, tradizione culinaria.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati