cane gr
GEAPRESS – Decine di cani detenuti in baracche costruite in una località della provincia ricadente nel Parco Regionale di Montioni. Così sintetizza l’Eital in merito all’intervento oggi comunicato. Una nuova operazione congiunta al Deputato pentastellato Paolo Bernini ed una nuova frecciata alla istituzioni.

Secondo l’Eital sarebbero decine le baracche costruite all’interno dell’area protetta, mentre i cani ritrovati erano in buona parte riconducibili ai cacciatori. A sollecitare l’intervento sono stati alcuni Consiglieri Comunali, oltre che le associazioni animaliste che da tempo, sostiene sempre l’Eital, denunciavano la situazione.

L’associazione riferisce a quasto proposito di fango feci, “tra lamiere taglienti e reti arrugginite e scarso cibo e acqua”.

“L’intervento di oggi ha avuto un esito che non ci ha soddisfatto” – riporta l’Eital. Questo perchè nonostante il veterinario libero professionista intervenuto avesse dichiarato il maltrattamento in corso, il veterinario della ASL non avrebbe condiviso l’ipotesi del collega.

L’On. BERNINI e i Consiglieri Comunali del M5S presenteranno denuncia presso la Procura della Repubblica di Grosseto chiedendo l’urgente sequestro dell’area e messa in sicurezza degli animali e indagini per individuare eventuali responsabilità di qualsivoglia natura. Denunce vengono annunciate anche per i proprietari dei cani ipotizzando l’abbandono e incuria.

“Siamo fiduciosi in una tempestiva risposta dell’Autorità Giudiziaria – ha affermato l’Eital – Attenderemo di poter trovare casa per tutti i cani facendogli uscire da quel tugurio e la demolizione/bonifica di tutta l’area.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati